Exploiding Kittens: il gioco di gruppo giusto per le serate di fine anno

Sei stanco di trascorrere le serate di fine anno con i consueti giochi di società? Se la risposta è positiva, c’è un gioco che non devi assolutamente perdere, e che nel corso delle settimane sta facendo parlare sempre più di se, generando ampia soddisfazione tra tutti coloro i quali hanno già avuto modo di provare questo prodotto. Ma di cosa si tratta?

Exploiding Kittens si presenta anche ai giocatori italiani (fino a poco fa era possibile giocare solamente a un’edizione inglese) come una sorta di versione “strategica e felina” della roulette russa. In altri termini, i giocatori pescano delle carte fino a quando qualcuno non trova una carta Exploiding Kitten: a questo punto, il giocatore è “esploso”, ovvero è eliminato, fuori dal gioco.

L’unica salvezza? È rappresentato dalla possibilità che il giocatore abbia tra le proprie mani una carta Disinnesgatto, che possa disinnescare – appunto – la carta esplosiva. Tutte le rimanenti carte nel mazzo hanno come obiettivo quello di spostare o attenuare o evitare le carte più pericolose, le Exploiding Kittens.

Fin qui, la descrizione sintetica del gioco. Una descrizione che, probabilmente, non rende però giustizia a un gioco davvero divertente, curioso e simpatico: un cenno specifico deve peraltro essere fatto a un ottimo lavoro di traduzione che, per poter mantenere invariati i giochi di parole tipici della versione originale, ha finito con il sostituirli con modi di dire italiani.

Particolarmente competitivo anche il prezzo. Al momento in cui scriviamo la scatola costa meno di 20 euro e… li vale tutti. Le carte, il libretto e gli altri accessori sono di ottima qualità, durevoli e in grado di garantire una perfetta longevità anche nelle session di gioco più estenuanti.

Peraltro, uno dei grandissimi benefici di questo gioco è che si adatta con la stessa soddisfazione a qualsiasi tipo di giocatore. Viene giocato infatti dai bambini da 7 anni di età in su, o dai loro genitori. In ogni caso, il divertimento è garantito, e il fatto che una durata media della partita si aggiri intorno ai 10 minuti, garantisce a chiunque (anche a chi viene eliminato subito) la possibilità di non annoiarsi, e di tornare presto in gioco.

Rispondi