spring

Spring – L’amore è un mostro

Molto meglio delle solite storie d’amore tra umani e vampiri.

Ho visto questo film per caso su Rai4: ottima scelta quella fatta da questo canale di trasmettere film poco conosciuti. Avevamo già parlato di un’altra pellicola trasmessa solo due volte in Italia sempre su Rai4: l’ottimo The Divide. Spring è un film decisamente interessante.

Non è un capolavoro, assolutamente no. Ho deciso però di parlarne perché non è la solita storia d’amore alla Twilight, ma pur sempre una romantica love story. Spring è un film che può suscitare qualsiasi reazione: dal “ma che è sta cagata” al “bellissimo: alla fine ho pianto come una bambina”.

spring

Per me non vale nessuna delle due. L’ho visto, mi è piaciuto, punto. Senza infamia e senza lode secondo me, anche se qualche sito lo osanna a quasi capolavoro. Spring ha sicuramente il merito di raccontare l’amore in maniera adulta, a differenza della moda del momento (vedi sempre Twilight) tutto condito dal panorama della nostra bellissima Polignano a Mare.

Non sembra affatto il tipico horror americano, probabilmente perché girato in Italia, si capisce comunque subito che c’è qualcosa di diverso in quello che stiamo vedendo.

TRAMA

La storia è quella di un ragazzo americano che dopo aver perso la madre e il lavoro decide di cambiare aria e fare un viaggio in Italia. Tra drink e nuove amicizie finisce in un paesino della puglia dove conosce una bella ragazza. I due iniziano a frequentarsi ma lei nasconde un terribile segreto.

Trama semplice ma efficace. Certamente è un film che ha i suoi difetti: alcune situazioni sono risolte troppo in fretta, altre forse sono tirate troppo per le lunghe. Il finale è uno di quelli che ti fa cercare su Google:

Spring spiegazione finale

Con un po di attenzione ai dialoghi ci si arriva da soli, ma comunque la prima impressione è quella di essersi persi qualcosa per strada.

Se cercate una storia d’amore alla Twilight lasciate perdere. Se invece volete una love story più adulta, horror e romantica allo stesso modo e senza mostri che brillano, allora Spring può essere la soluzione giusta.

Fatemi sapere cosa ne pensate.

 

Rispondi