Apple File System, cos'è e come funziona

Apple File System (APFS) che cos’è? Ecco il nuovo File System Apple

Il nuovo aggiornamento di iOS 10.3 comporterà molti cambiamenti che gli utenti non vedranno immediatamente. Fra questi vi è il passaggio da HFS+ a APFS, il nuovo File System dell’Apple.

L’APFS (Apple File System) è stato in sviluppo per parecchio tempo, con una sperimentazione effettuata già su MacOS. Si tratta d’un formato fatto apposta per le memorie NAND ed SSD, che stanno diventando ogni giorno sempre più popolari e di consumo. Di certo vedremo il vecchio HFS venir sostituito nel tempo in tutti i principali prodotti Apple, anche nel TvOS e WatchOS.

Ma parliamo ora di quali sono in vantaggi d’usare questo nuovo File System.

 

Apple File System, cos’è e come funziona:

  • I nostri dati sono protetti con una chiave criptata di nuova generazione, perciò adesso sarà più difficile violare i nostri iPhone (e al limite, anche Jailbreakarli, ma diamo tempo al tempo).
  • Essendo ottimizzato per le SSD e le memorie NAND, questo File System funziona più velocemente del normale. Il passaggio di file particolarmente pesanti diventa meno fastidioso usando questo formato.
  • La compressione è migliore. Come tale, se avete un iPhone o un iPad con poco spazio disponibile vi ritroverete con qualche GB in più – come per magia! Del resto questa compressione non danneggia il passaggio dei file o la loro velocità, come spesso accade in altri casi.

 

Restano comunque delle limitazioni. Il formato APFS sarà disponibile solo in iOS 10.3 e in tutte le ultime versioni dei sistemi operativi Apple. WatchOS e TvOS non sono in pericolo, sono prodotti relativamente nuovi della casa. MacOS Sierra può essere installato tranquillamente anche su vecchi prodotti.

Per quel che riguarda iOS 10.3, dovete avere a disposizione un iPhone 5 come minimo. Gli iPod di sesta generazione possono installare quel sistema operativo. Buona parte degli iPad esistenti sul mercato, anche il Mini 2, possono installare iOS 10.

 

Rispondi