turbo kid

Turbo kid – il trailer

Un omaggio agli anni ’80, un regalo per gli amanti dei b-movie, del trash e dello splatter casareccio. Turbo Kid è l’essenza di tutto questo.

La storia è semplice: il mondo è stato distrutto dalle piogge acide, i pochi sopravvissuti tirano a campare ammazzandosi a vicenda per l’acqua potabile. In questo affascinante contesto vive un ragazzo solitario amante dei fumetti, che in sella alla sua BMX saccheggia tutto quello che può. La sua esistenza verrà stravolta da Apple, una ragazza pazza e carina. Naturalmente, come ogni film post-apocalittico che si rispetti, c’è anche il cattivone di turno alias Zeus, interpretato da un super stereotipato Michael Ironside (Top Gun, Atto di Forza) con la sua banda di folli e pittoreschi tirapiedi, comandati da un simpaticone chiamato Skeletron.

turbo kid

Una Trama un po scontata, alla Mad Max diciamo, ma lo scopo del film non è l’originalità bensì il cuore, la passione e il sentimento per un’epoca, a tutto questo aggiungeteci un bel po di trash, ettolitri di sangue, pizza e birretta ed ecco che avrete organizzato una Serata tra amici con la S maiuscola. Tanto per rendere l’idea considerate che c’è un’arma che ricorda tanto il Power Glove della Nintendo e c’è un robot che segnala la propria energia con i cuoricini di Legend of Zelda.

Tutto questo e molto altro è Turbo Kid, film indipendente canadese uscito negli Stati Uniti il 28 agosto 2015, sembra aver avuto critiche molto positive, non sappiamo quando uscirà in Italia, certamente non al cinema, ma sicuramente in Home-video.

Giuliano

Blogger per hobby, nerd ma solo per caso. Da piccolo sono stato affetto dalla Bat-febbre, ad oggi non sono ancora del tutto guarito. Ho studiato strategie di sopravvivenza con il maestro George A. Romero, nel caso ci fosse un'Apocalisse zombie. Volete farmi felice? Portatemi al cinema.

Latest posts by Giuliano (see all)

 
Giuliano

Blogger per hobby, nerd ma solo per caso. Da piccolo sono stato affetto dalla Bat-febbre, ad oggi non sono ancora del tutto guarito. Ho studiato strategie di sopravvivenza con il maestro George A. Romero, nel caso ci fosse un'Apocalisse zombie. Volete farmi felice? Portatemi al cinema.

Rispondi