Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate.. Un disastro!

Riporto qui un post di un caro amico, cinefilo e compositore, che ha riportato perfettamente, nei toni e nei fatti, ciò che la maggior parte di noi Nerds ha pensato e provato nel vedere questa promettente quanto DISASTROSA trilogia.

Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate è seriamente il film più brutto mai prodotto in quel di Hollywood.
Il mio post non vuole essere in favore del libro (che chiaramente vince 6-0 6-0) ma un’analisi di un film che sembra il pre-montaggio.
Questo post contiene SPOILERS, se vi sentite offesi per averlo letto per sbaglio dopo che vi ho avvertito ditemi quale serie tv vi piace che vi spoilero pure quella.
Il film si apre con quel personaggio secondario chiamato Smaug, tralasciato però in favore di scene più importanti del re di Pontelagolungo che interpreta il classico cattivo disney che non uccide nessuno e che quindi non può morire in maniera cattiva, ma come willy il coyote. Comunque senza divagare troppo Smaug muore trafitto nell’unica scaglia (che nessuno conosce) mancante, ma che Bard con la sua vista da fumetto marvel (occhio di falco) vede subito (tralasciamo che la freccia nera viene trovata in un caos totale [dove le persone però scappano al rallentatore] da un cazzo di bambino [ suo figlio ] di dieci anni che la trova così per caso e la porta nell’unica torre [la più alta] che è ancora in piedi. Qui Bard sfrutta il principio della fisica power già usato in molte puntate di MacGyver, la corda dell’arco più il cuoio della faretra più il bambino, fanno una balista perfetta, perforante !
Smaug muore tenendosi la scaglia… 11 minuti di drago dove il massimo dell’interesse l’ha raggiunto nel secondo film correndo come un idiota dietro gli hobbit che lo chiamano “lumacone”. Vorrei ricordare che Smaug è l’ultimo drago esistente.

Tralascerò le due ore buone in cui Thorin sembra un bambino imbronciato (parla con Ward come doppiatore perché vogliono simulare il passaggio al lato oscuro del tesoro [che praticamente diventa un nuovo anello del potere che corrompe gli animi] e vuole l’arkengemma, “Thorin il mondo sta per essere distrutto! ““Non do nessun aiuto, voglio l’arkengemma” (leggere la risposta con voce nasale).
Arriviamo a Gandalf (che viene chiamato tutto il tempo lo stregone [ma che a sto film non è capace neanche di accendersi la pipa) è capace di farsi imprigionare da Sauron dentro Sauron dentro Sauron dentro Sauron (cit. Nolan) e non ha la forza di fare niente, tranne farsi salvare dagli amici power ranger = Saruman, Elrond e Galadriel (che si trasforma a una certa in Samara di The Ring). Ps. quasi dimenticavo Radagast lo stregone con la cacca in faccia.
Tutti e 4 quindi sanno dell’esistenza di Sauron ma ne dubiteranno nel sequel “Il signore degli anelli”, così tanto per rendere la storia del prequel – sequel, anacronistica e no sense!
Passiamo alla battaglia che è stata così noiosa che la renderò anch’io breve.

Si può riassumere in discorsi power trash tra nani ed elfi, nani e uomini, elfi e uomini, nani e orchi, elfi e orchi; basterà fare due esempi “Andate, sono solamente un centinaio, ci pensiamo noi! “Folletto dei boschi”, “Gli darò una martellata e gli toglierò quel ghigno”.
Il tutto è condito da uno spam no-sense di animali : caprette, cinghiali, lupetti, conigli, aquile, un orso (è Beorn ma è meglio farlo vedere per un minuto), uno spam di troll fatti male tanto per far vedere che gli orchi hanno i troll, che però muoiono appena toccati, pare che sono di cartapesta (e pensare che al Signore degli Anelli, Gandalf, Aragorn, Gimli, Legolas etc. hanno problemi ad ucciderne uno), senza dimenticare i mangiaterra (tremors) che escono fanno il traforo del monte bianco e se ne vanno, così tanto per far sbrigare le armate , fatte male in CGI, degli orchi. E da persone che saltano come elicotteri, perché saltano in verticale e poi si spostano volando, l’esaltazione di questo è Legolas che salta su pietre che cadono (cit. Priest).
Senza dimenticare le uccisioni POWER del nano parente di Thorin che li uccide a testate, Bilbo che li uccide a sassate, curiosamente non sono goblin ma orchi di due metri che però non indossano l’elmo, curiosamente però quelli uccisi a testate ce l’hanno… seriamente spiegatemi sta parte…

La fine è però triste! Molto triste! Si, perchè Peter Jackson (lo stesso regista che ha vinto tutti quegli oscar per LOTR) ci prepara alla morte di personaggi importanti con una maestria senza eguali!
Muore Fili, seriamente inutile, lo stesso che, insieme ad altri, al secondo non si sveglia per andare a Erebor, giustamente si preparano da 400 anni ma non si svegliano, in una maniera così inutile che anche la spada non viene macchiata di sangue.
Muore Kili, così possono fare finalmente la scena del fottuto bacio tra un nano ed un elfa e un conseguente discorso tra Thranduil e Tauriel, che manco a Gossip Girl! “Se questo è amore, io non lo voglio”, “Perché fa così male?” “Perché era amore vero”. Seriamente ?
Muore Thorin che si autouccide (non si suicida, capite bene!) per uccidere l’orco bianco.

In questo film non sono risparmiabili neanche le pessime scelte registiche, le inquadrature per esempio o gli effetti speciali (che sembrano fatti con il paint perché destinati al cazzo d 3d) o le… proporzioni! Si, perchè sembra che abbiano chiamato il disegnatore di Ken Shiro (già famoso nel mondo per i suoi disegni di Re Nero che schiaccia un uomo e poi è grande come un pony), gli orchi sono alti 3 metri, poi sono come i nani, l’alce del re elfico è prima enorme che schiaccia gente in giro e poi sembra un peluche della Trudi, il drago è prima enorme poi cade e uccide il re di pontelagolungo senza spaccare una casa, ciò mi fa presupporre che quindi sia più piccolo di un vicolo di 3 metri.
Non si può salvare neanche il sound design e la colonna sonora, c’è uno spam di tutti i temi di LOTR cambiati solo per farti cantare in sala il tema della contea, o il tema dell’anello, senza però mettere mai Misty Mountain (che è il tema dei nani, giustamente i nani a sto film non ci sono quindi sarebbe stato stupido riorchestrare il tema e usarlo per i nani in combattimento).
Il sound design muore quando c’è un suono metallico provocato dallo scontro tra : carne e pietra, carne e ferro.
Oppure le inquadrature in primo piano degli occhi (che prima erano molto Sergio Leone, adesso fanno molto Twlight, si perchè non possono fa inquadrature di occhi languidi per 3 ore) con sopra un sound design degno di un porno di Rocco Siffredi : “aaaah” “umpf” “iiiiiih” il tutto reverberato senza alcun ritegno, anche l’eco di Erebor è ritmico, tanto per dirne una, è in 4 dritto, come la cassa di un pezzo da discoteca. “Bilbo o o o o o o o o o o “

In sintesi questo film sembra essere stato prodotto dalla Disney o da Neri Parenti ed è un misto di Gossip Girl, Natale a Miami, una citazione continua fatta male di LOTR, Mercenari (i martelli più sono grandi più sono macho), MacGyver e American Pie.

PS. Gandalf si accorge che Bilbo ha un anello che fa diventare invisibili ma poi lo dimentica per poi fingersi stupefatto quando lo vede in LOTR.

[divider]

E tu? Cosa ne pensi?

 

Rispondi