VITTIMA DEGLI EVENTI

Dylan DogREGIA: 

Claudio Di Biagio

ATTORI: 

Luca Vecchi, Valerio Di Benedetto, Sara Lazzaro, Alessandro Haber, Milena Vukotic

GENERE: 

Giallo

PRODUZIONE:

 Italia

ANNO: 

2014

[divider]

PREMESSA – Nel 2011 uscì nelle sale cinematografiche un film, di produzione americana, che ebbe la presunzione di spacciarsi per la trasposizione del mitico indagatore dell’incubo, creato da Tiziano Sclavi, per la Sergio Bonelli editore: il titolo di quella vergognosa pellicola era Dylan Dog – Il Film (titolo originale Dylan Dog: Dead of Night). Il filmaccio di Kevin Munroe, oltre ad essere brutto, commise l’errore più grande che si potesse fare nel trasporre un personaggio così amato e caratterizzato dal fumetto al grande schermo, cioè modificare quegli elementi che per un fan sono come la Bibbia. Il risultato non poteva essere altro che quello di una pellicola scialba, senza identità, che non ha assolutamente niente a che fare con Dylan Dog.

La causa di tutto ciò è da attribuirsi in parte ai diritti d’autore ( come nel caso dell’assistente Crucho, sostutuito da Marcus) per il resto a scelte di produzione poco felici, che anno solo voluto sfruttare il nome di un’icona per garantirsi un successo che, tra l’altro, non c’è stato. Un pregio questo film però l’ha avuto, e cioè quello di infastidire così tanto i lettori del fumetto da gridare al sacrilegio, dando vita ad una “rivolta artistica” che ha portato fan e giovani cineasti appassionati a movimentarsi per rendere giustizia al nostro Dylan.

Questi sentimenti hanno contribuito alla realizzazione dei cosiddetti fan-movie, cioè pellicole amatoriali o semi-professionali senza scopo di lucro, concretizzate grazie all’aiuto finanziario dei fan del progetto. Vanno sicuramente citati due film del 2012: Dylan Dog – Il trillo del Diavolo di Roberto D’Antona e Dylan Dog – La Morte puttana di Denis Frison, quest’ultimo unico lungometraggio sul personaggio, ben 2 ore e 10 ( forse troppo). Degno di nota e mediaticamente più considerato è però il film del 2014, Vittima degli eventi di Claudio Di Biagio.

[divider]

TRAMA – Roma. Adele passeggia insieme al fratello davanti Castel Sant’Angelo, incontrano una strana donna in vestiti d’epoca che, mentre il fratello di lei cade a terra in preda ad una crisi, si strappa la testa dal collo. Adele, sconvolta dall’accaduto, si rivolge a Dylan Dog per risolvere il mistero.

[divider]

Film completo

[divider]

COMMENTO – Finalmente, dopo la zozzata americana da 20 milioni di dollari, arriva un film che, con meno di 40 mila euro, è riuscito in tutto quello in cui aveva fallito il gigante Hollywoodiano, Davide che batte Golia. Vittima degli eventi, film finanziato in crowdfunding (finanziamento collettivo) non è certamente un capolavoro, ma rispetta in pieno il personaggio e la sua natura, si vede la voglia di realizzare un prodotto che rendi davvero omaggio e giustizia ad un’icona del fumetto italiano e non solo. La location si sposta da Londra a Roma, ma l’impatto scenico della capitale non ha niente da invidiare alla città inglese, ben curato nei dettagli, buona la fotografia e la regia del “giustiziere” Di Biagio.

Il film, considerata la media durata, è impostato come episodio pilota di un’eventuale serie, chissà se lo scopo sarà proprio quello, a noi fan non dispiacerebbe affatto. Ci sono alcune pecche, ovviamente, una riguarda la sceneggiatura, un po confusa e frammentaria nella risoluzione dell’enigma, causa anche la breve durata, in cui tutto avviene frettolosamente. Un’altro appunto va fatto al personaggio di Grucho, curato nel comportamento e nelle fattezze, ma meno divertente dell’originale fumettoso e a Dylan, abbastanza azzeccato nell’aspetto fisico, però mi ricorda troppo Scamarcio ( Rupert Everett dove sei?). Un cenno particolare al finale, un brivido lungo la schiena per i lettori affezionati, come me.

La pellicola di Di Biagio vanta anche la presenza illustre di due big: Alessandro Haber ( ispettore Bloch) e Milena Vukotic ( la signora Trelkovski) i quali danno un tocco di eccellenza al film. Tirando le somme, tanto di cappello a questi giovani autori che, per passione e senso di dignità, pur con tutti i limiti del caso, hanno  onorato la memoria di uno dei più importanti editori italiani, Sergio Bonelli.

Giuliano

Blogger per hobby, nerd ma solo per caso. Da piccolo sono stato affetto dalla Bat-febbre, ad oggi non sono ancora del tutto guarito. Ho studiato strategie di sopravvivenza con il maestro George A. Romero, nel caso ci fosse un'Apocalisse zombie. Volete farmi felice? Portatemi al cinema.

Latest posts by Giuliano (see all)

 
Giuliano

Blogger per hobby, nerd ma solo per caso. Da piccolo sono stato affetto dalla Bat-febbre, ad oggi non sono ancora del tutto guarito. Ho studiato strategie di sopravvivenza con il maestro George A. Romero, nel caso ci fosse un'Apocalisse zombie. Volete farmi felice? Portatemi al cinema.

Rispondi